Spunti di viaggio

10 idee di viaggio per febbraio

Gennaio ha lasciato il posto a febbraio, subito dopo i giorni della merla. Diamo il benvenuto al mese dell'amore e del Carnevale con la nostra classifica delle 10 province da visitare!

  • 1. Genova
  • 2. Valtellina
  • 3. Perugia
  • 4. Asti e le Langhe
  • 5. Ravenna
  • 6. Alta Badia
  • 7. Palermo
  • 8. Sassari
  • 9. Matera
  • 10. Frosinone
Pagina
1
di 10

Finito il periodo invernale, mentre la primavera deve ancora arrivare, febbraio è il mese perfetto per partire alla scoperta di alcune bellezze presenti sul nostro territorio. Le proposte di certo non mancano. Partiamo per un incantevole tour da nord a sud della nostra penisola, per raccontarti le località più affascinanti da visitare a febbraio in Italia. Proposte per soddisfare sia la voglia d'avventura che la volontà di scoprire storia e cultura del territorio, partendo da soli o con tutta la famiglia. Non ti resta altro che metterti in viaggio insieme a noi.

1. Genova e la sua provincia

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da LOVES_GENOVA (@loves_genova) in data: Gen 30, 2019 at 3:15 PST

Lungo la Riviera di Levante della Liguria, ci sono diversi paesini dal fascino unico. Tra i più indimenticabili e vicini a Genova, c'è Recco, un caratteristico borgo di pescatori dove potrai scoprire un mestiere così antico e tutte le delizie che il mare ci dona. Oltre che per il suo profondo attaccamento a questa nobile professione, Recco è famosa anche per la sua ottima focaccia che potrai gustare in uno dei diversi locali, pronti a deliziarti anche con molte ricette a base di pesce.

Altra incantevole località della provincia genovese, è la cittadina di Camogli che saprà affascinarti con il suo aspetto fuori dal comune. Le sue case, infatti, risaltano per i colori accesi con cui sono dipinte le diverse facciate, creando un suggestivo arcobaleno architettonico che rende la vista unica. Come molti altri paesi liguri, anche Camogli si sviluppa intorno a un porto dove poter esplorare la cultura e la tradizione regionale. Intorno a questo polo cittadino così importante, inoltre, c'è una bellissima spiaggia di ghiaia che ti condurrà verso un'attrazione turistica davvero affascinante, il faro. Fare una romantica passeggiata al tramonto, mentre le acque lambiscono la spiaggia, è sicuramente uno dei modi migliori per concludere questa giornata di vacanza decisamente magica.

Dopo aver scoperto Camogli, non perdere l'occasione di andare a visitare la famosa e affascinante Abbazia di San Fruttuoso. Per raggiungere questa località puoi decidere di intraprendere due strade: arrivare dopo aver intrapreso un'impegnativa ma incantevole passeggiata, oppure prendere il più comodo ma comunque fascinoso traghetto. In entrambi i casi, arriverai ad ammirare quello che è considerato uno tra i monumenti più famosi, belli e importanti di tutta la Liguria. Se infatti è possibile trovare edifici di grande interesse storico nell'intera regione, pochi riescono a eguagliare la bellezza di questo monastero romanico edificato intorno all'anno Mille, proprio a ridosso del mare ligure.

➡️ Scopri i nostriagriturismi nella provincia di Genova

2. La bellezza della Valtellina

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Valtellina (@valtellinaofficial) in data: Gen 27, 2019 at 3:45 PST

La zona della Valtellina è un'area italiana dove, oltre a incredibili bellezze naturali, ci sono anche diverse località di profondo interesse storico. Una di queste è Ponte, un antico borgo che sorge tra Sondrio e Tirano, celebre perché sul suo territorio sono state ritrovate incisioni risalenti alla preistoria. La cittadina ha visto passare anche numerosi dominatori, a cominciare dai romani, passando per i longobardi, fino ad essere considerata possedimento asburgico. La sua lunga storia e le molte culture e popolazioni che vi hanno transitato, rendono Ponte un borgo dalle tradizioni complesse, antiche e affascinanti che aspettano solamente di essere scoperte, arricchite da numerosi monumenti sparsi per le sue vie.

La celebrità del comune di Valdisotto, in provincia di Sondrio, è data da una storia molto più recente. Il borgo, infatti, ha sofferto per l'alluvione che colpì la Valtellina nel 1987 e che ne distrusse una buona parte. Valdisotto rimane comunque una località dal forte interesse storico che aspetta solamente di essere scoperta. Tra i monumenti più rilevanti, potrai scoprire la meravigliosa chiesa parrocchiale, dedicata a San Lorenzo e San Colombano, oppure perderti nella bellezza del settecentesco Ossario di Cepina, considerato monumento nazionale. Tutti questi elementi rendono Valdisotto una delle splendide perle che compongono la Comunità Montana Alta Valtellina, tra le migliori mete per una vacanza all'insegna della storia.

Non puoi considerare concluso il tuo soggiorno in Valtellina, senza prima esserti fermato a Grosio, altro antico centro storico della zona che nasconde nel proprio territorio diversi tesori. In questo luogo così importante, infatti, è presente la celebre Rupe Magna, una parete rocciosa dove sono state rinvenute alcune incisioni che risalgono all'età del bronzo. Dopo aver ammirato questa bellezza unica, potrai fare un salto nel tempo e partire alla scoperta dei due castelli medievali presenti nel comune, risalenti all'epoca in cui Grosio era sotto il feudo dei Valvenosta. Termina infine la tua visita della Valtellina in uno dei molti agriturismi della zona, dove poter scoprire tutta la bontà della cultura enogastronomica locale.

➡️ Tutti gli agriturismi in Valtellina

3. Viaggiando intorno a Perugia

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da 🇮🇹 (@italian_atmosphere) in data: Gen 31, 2019 at 10:13 PST

Il territorio umbro è ricco di storia, cultura e buon cibo e tutti questi elementi non sono apprezzabili solamente nei grandi centri ma anche nei piccoli borghi. Andando per la provincia di Perugia, per esempio, puoi fermarti immediatamente a Deruta, un piccolo borgo umbro che merita una tua visita. Questa caratteristica cittadina, infatti, è famosa per la produzione di ceramiche artistiche, lavoro tradizionale della zona che assume i connotati di vera e propria arte. Oltre a poter portare a casa pregevoli oggetti artigianali, potrai ammirare anche la lavorazione e la produzione, approfondendone la storia durante una visita al Museo della Ceramica o alle antiche fornaci, risalenti al 1500, situate nei pressi di Porta San Michele.

Entriamo nella ugualmente affascinante cultura enologica umbra e fermiamoci a Torgiano, borgo che regala il nome a due produzioni vinicole importanti della zona. Il Torgiano Doc e il Torgiano Rosso Riserva, infatti, sono tra i vini più rinomati e potrai scoprirli durante interessanti gite tra i vigneti locali, accompagnandoli a piatti tradizionali preparati nelle aziende agricole e negli  agriturismi della zona. Torgiano è anche una cittadina molto affascinante da visitare, un paese medievale in cui potrai ripercorrerne la storia all'interno del Museo del Vino di Palazzo Graziani Baglioni o nel Museo dell’Olivo e dell’Olio, sovrastati dall'antica e maestosa Torre di Giano.

Sempre nella provincia di Perugia e non molto distante da Foligno, si trova Bevagna, un grazioso comune ricco di storia e tradizione. Partendo dall'affascinante Piazza Silvestri, potrai andare a visitare numerosi edifici storici che raccontano il passato della zona, come il Palazzo dei Consoli, risalente al 1200, la Chiesa dei Santi Domenico e Giacomo o quella di San Michele. Potrai infine tuffarti nelle tradizioni locali passeggiando per il Mercato delle Gaite, ammirando una magica ricostruzione degli antichi mestieri e completando in questo modo, il tuo viaggio all'interno della cultura umbra.

➡️ Scopri gli agriturismi a Perugia e provincia

4. La storia e il gusto di Asti e delle Langhe

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Turismo in Langhe e Roero (@langheroero) in data: Gen 29, 2019 at 3:14 PST

Scegliere di trascorre il proprio soggiorno nella zona di Asti, più nello specifico nelle Langhe, vuol dire perdersi in un vortice di sapori e storia che si susseguono dolcemente, rendendo indimenticabile ogni giornata. Ne è un esempio perfetto la città di Alba, famosa per il suo rinomato e delizioso tartufo bianco, ma che regala anche scorci storici indimenticabili. Il suo centro, di forma circolare e di origini medievali, è il punto perfetto per iniziare un tour cittadino che ti condurrà a scoprire affascinanti torri e maestose chiese, come il Duomo e San Domenico. Un viaggio pieno di sapori e cultura, assolutamente irrinunciabile che, come degna conclusione, chiede una sosta per assaggiare i piatti tradizionali locali che hanno come ingrediente il delizioso tartufo bianco.

Altra splendida località delle Langhe con molti edifici e panorami da scoprire è sicuramente Casale Monferrato. Nel comune, il Duomo riuscirà a rimanere impresso nella tua memoria per la sua bellezza particolare. L'edificio, infatti, possiede una struttura e un interno molto originali, che lo fanno spiccare tra gli altri edifici della stessa tipologia. All'interno le navate sono spezzate da colonne zebrate che cattureranno la tua attenzione e, non appena alzerai lo sguardo, ti stupirai nel trovare uno splendido cielo stellato. Dopo questa bellezza unica, vai a fare una visita anche al castello cittadino e alla gipsoteca Bistolfi, dove sono esposte le opere dell'artista omonimo. Potrai infine terminare la tua giornata di relax e cultura, passeggiando lungo il corso del Po che crea panorami indimenticabili mentre attraversa la città e il centro storico.

Nelle Langhe non troverai solo storia ma anche ottimo vino e molti vigneti, prodotto in questo territorio che è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità Unesco. L'area copre la zona delle Langhe, del Monferrato e del Roero, abbracciando 29 comuni differenti che risaltano per come sono stati in grado di far integrare perfettamente l'azione dell'uomo con il paesaggio circostante. Qui troverai molte attività come agriturismi e aziende agricole felici di farti assaggiare le loro produzioni, ristorarti con piatti tipici e rendere incredibilmente delizioso il tuo soggiorno.

➡️ Guarda gli agriturismi nelle Langhe

5. La provincia di Ravenna tra città e natura

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ravenna Mosaici - Mosaics (@ravennamosaici) in data: Gen 18, 2019 at 4:32 PST

Nella splendida provincia di Ravenna, l'uomo sembra essersi armoniosamente integrato con la natura che domina l'area. Diversi sono infatti i borghi che, invece di distruggere per fare spazio a case e costruzioni, hanno valorizzato al massimo la zona. Fra i molti è famosa Brisighella, a poca distanza dal capoluogo, arroccata su ben tre pinnacoli rocciosi. Questa antica cittadina medievale, considerata tra i borghi più belli d'Italia, ha qualcosa da mostrare in ognuno di questi. Nel primo, infatti, potrai trovare l'affascinante Rocca Manfrediana. Nel secondo, potrai scoprire la quiete del Santuario del Monticino e, nell'ultimo, restare ammaliato dalla maestosa Torre dell'Orologio. Tre spettacoli unici racchiusi all'interno di una stessa località che resterà per sempre nel tuo cuore.

Spostandoti nel comune di Gradara, invece, avrai l'opportunità di scoprire all'interno di un'unica località, tutta la storia che caratterizza la zona di Ravenna. Nel suo maestoso castello, risalente al XII secolo, hanno dimorato grandi nomi della storia nobile italiana, come la famiglia degli Sforza, dei Della Rovere e dei Malatesta. Mentre attraversi il suo imponente ponte levatoio e passeggi per le sue mura merlate, dopo esserti perso nell'elegante bellezza del cortile e delle sale interne, non dimenticare che questo castello è stato anche il teatro della sventurata storia d'amore di Paolo e Francesca, i due innamorati dannati incontrati da Dante nel suo Inferno.

Dopo aver recuperato le energie in un delizioso agriturismo locale, è il momento di viaggiare con la fantasia e lasciarsi trasportare dall'immaginazione, in un viaggio perfettamente a misura di bambino. A Bagno di Romagna Terme potrai avventurarti con tutta la famiglia, lungo il Sentiero degli Gnomi, un facile percorso immerso nel verde di appena 2 km, dove piccoli e grandi potranno divertirsi a cercare di avvistare i simpatici personaggi delle fiabe, i quali sembra abbiano scelto la città e il bosco circostante come loro dimora. Un'avventura divertente dedicata a tutti i bambini che ti permetterà di scoprire in maniera più approfondita la natura che ci circonda.

➡️ I nostri agriturismi nella provincia di Ravenna

6. Alla scoperta del verde dell'Alta Badia

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Alta Badia (@alta_badia_official) in data: Gen 31, 2019 at 12:41 PST

Nella zona dell'Alta Badia è praticamente impossibile non riuscire a fare una vacanza all'insegna del relax o dell'avventura. Sono infatti molte le località che offrono proposte divertenti di soggiorno, come ad esempio La Villa. Questo borgo è situato al centro della valle ed è circondato da boschi verdeggianti e dolci pendii. La Villa è il teatro di grandi eventi sportivi sulla neve durante i mesi invernali e il punto di partenza ideale per la Maratona dles Dolomites o per andare alla scoperta dei parchi naturali Puez-Odle e Fanes-Senes-Braies. Al centro del paese, inoltre, potrai andare esplorare e visitare l'affascinante castello Ciastel Colz e l'antica chiesa dedicata a Santa Maria Assunta, eretta nel 1500.

Corvara è un centro importante non soltanto per le attività che potrai sperimentare ma anche per la lunga tradizione turistica e sportiva che porta avanti. Il borgo ha da sempre favorito lo stile di vita alpino in quanto già nel XVIII secolo i giovani del paese avevano organizzato un servizio di accompagnamento sulle Dolomiti. A partire dagli anni '30, inoltre, è qui che fu istituita la prima scuola di sci dell'Alta Badia e il primo impianto di risalita. Oggi, scegliendola come meta del tuo soggiorno, avrai una posizione privilegiata sul giro sciistico Sellaronda ma anche diverse opportunità di trascorrere in grande stile il tuo tempo libero, nello stadio del ghiaccio o nel campo da golf.

Sull'altopiano che attraversa i comuni di Corvara, La Villa e San Cassiano, c'è Movimënt, un centro benessere adatto a grandi e piccoli, ma soprattutto dedicato sia a chi vuole vivere in pieno lo sport che a coloro che desiderano solamente rilassarsi. Sono infatti presenti ben 130 km di meravigliose piste attrezzate su cui scivolare in totale libertà anche nel mese di febbraio, oltre che uno splendido centro benessere, il più affascinante di tutte le Alpi. Anche i bambini potranno divertirsi con una zona a loro dedicata composta da pareti d'arrampicata, trampolini, grotte e molto altro ancora, per una soggiorno dedicato a tutta la famiglia.

➡️ Gli agriturismi nella provincia di Bolzano

7. La storica provincia di Palermo

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ITALIA 🇮🇹 (@ig_italia) in data: Gen 31, 2019 at 12:38 PST

Anche se febbraio è un mese ancora caratterizzato da temperature non così elevate, potrai scaldarti partendo verso il sud Italia, fermandoti magari a Monreale, in provincia di Palermo. La città è famosa per il suo Duomo, considerato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, uno splendido capolavoro di architettura arabo-normanna. Anche il chiostro e il Museo Diocesano, però, sono mete imperdibili durante una visita al comune siciliano, che sarà resa ancora più indimenticabile dalle diverse rievocazioni storiche del periodo normanno che vengono organizzate durante tutto l'arco dell'anno.

Se sei alla ricerca di storia, pace e bellezza, puoi andare a 20 km da Palermo per trovare gli antichi resti della città di Solunto. Sarà un viaggio nel tempo all'interno di usi e costumi locali, caratterizzati dalla presenza di elementi provenienti da diverse popolazioni differenti. L'antica città di Solunto, infatti, venne edificata dai Fenici nel VII secolo a.C. per poi passare sotto il controllo dei greci e dei romani. La vista che troverai in questo sito archeologico, infine, è decisamente imperdibile: un panorama mozzafiato direttamente sul golfo di Porticello e Sant'Elia, il modo migliore per terminare questo piccolo viaggio dentro la storia siciliana.

A poca distanza sorge anche l'indimenticabile città di Bagheria, caratterizzata dalla presenza di diverse ville antiche. Il paese, favorito dalla vicinanza al capoluogo siciliano e al contempo al mare, era fra le mete predilette di molte famiglie nobiliari del passato che decisero di costruire qui le proprie residenze estive. Tutte sono caratterizzate da elementi affascinanti, come Villa Palagonia, le cui inquietanti statue le hanno fatto guadagnare il soprannome di Villa dei Mostri, o Villa Cattolica che ospita attualmente il Museo Guttuso. Un tour all'interno di questi importanti edifici storici è il modo perfetto per viaggiare in maniera originale.

➡️ Tutti gli agriturismi a Palermo e dintorni

8. "Voglio andare ad Alghero..." e nella provincia di Sassari

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Travel | Explore | Italy (@ladolcevitaly) in data: Gen 29, 2019 at 9:04 PST

Girando per i comuni che compongono la provincia di Sassari, è impossibile non sentirsi circondati da bellezze naturali dall'impareggiabile bellezza. Ne è un esempio valido il Parco Nazionale dell'Asinara, una meravigliosa area naturale protetta dal 1997, composta dall'isola omonima, una vera perla all'interno della regione sarda. Potrai raggiungere l'isola dell'Asinara utilizzando uno dei molti battelli che partono dai comuni che si affacciano sul mare, come Porto Torres e Stintino, oltre che prenotare un'approfondita e completa visita guidata. In questo modo potrai scoprire ogni lato nascosto di questo tesoro nazionale, come l'antico carcere, oggi dismesso ma sempre molto affascinante.

Anche Alghero è una meta da prendere in considerazione durante un soggiorno nella provincia di Sassari. Dopo aver degustato le diverse ricette della cultura enogastronomica sarda in uno dei diversi agriturismi presenti, potrai partire alla scoperta di questo affascinante borgo fortificato che si affaccia sul mare, viva testimonianza delle diverse dominazioni che si sono susseguite sull'isola. Imperdibile una visita ai suoi bastioni, quelli chiamati di Marco Polo a ovest e di Magellano a est, per poi passare alle torri difensive di San Giovanni, Vincenzo Sulis, Maddalena e San Giacomo. Sarà semplice comprendere perché Alghero è considerato uno dei luoghi più belli di tutta l'isola.

Scoprire uno dei simboli più conosciuti della Sardegna, il nuraghe, è d'obbligo durante una visita alla regione e nella provincia di Sassari vi è uno dei più maestosi. Il nuraghe Santu Antine, conosciuto anche con il nome di Sa domo de su Re, letteralmente La casa del Re, si trova nel comune di Torralba, all'interno della storica regione del Meilogu. Rimarrai sorpreso nel vederlo in tutta la sua imponenza e nello scoprire che l'altezza originale del mastio doveva assestarsi intorno ai 23 m, altezza seconda solamente alle piramidi egizie secondo gli standard dell'epoca. Se la visita al nuraghe Santu Antine ha sollecitato la tua curiosità, sappi che nella piana di Cabu Abbas potrai trovarne più di 30.

➡️ Guarda gli agriturismi a Sassari e provincia

9. Non solo sassi nella provincia di Matera

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Matera 2019 (@matera2019) in data: Gen 18, 2019 at 12:54 PST

Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, è sicuramente tra le destinazioni più ambite per quest'anno ma anche i suoi dintorni hanno molto da offrire in termini di mete da raggiungere. Craco, per esempio, è famosa nella zona per essere considerata una città fantasma, un piccolo borgo arroccato tra i calanchi, ricco di fascino. La città fu abbandonata in seguito a un dissesto idrogeologico che ha obbligato i cittadini ad andarsene nel 1969. Oggi è un parco museale nel quale potrai entrare solamente dopo aver ottenuto un'autorizzazione ma ti assicuriamo che ne vale certamente la pena. Craco, infatti, non ha subito i processi di trasformazione urbana che hanno vissuto molti centri italiani, rimanendo ferma nel tempo a 50 anni fa. Camminare per le sue vie silenziose, osservare i resti, specialmente quelli della sua cattedrale, sarà un'esperienza unica e indimenticabile.

Poco prima di arrivare al fiume Bradano, incastonata in una parete rocciosa, puoi trovare quella che viene chiamata la Cripta del Peccato Originale o Cripta dei Cento Santi. All'interno potrai ammirare uno dei più splendidi esempi di pittura rupestre dell'Italia Meridionale, con raffigurazioni realizzate in stile bizantino che narrano vicende sia del Nuovo che del Vecchio Testamento, oltre che le immagini dei santi Pietro, Andrea e Giovanni e degli arcangeli Gabriele, Michele e Raffaele. Nel ciclo del Vecchio Testamento, inoltre, è presente una rappresentazione davvero particolare del peccato originale, in cui Eva porge ad Adamo un fico invece che una mela. L'opera segue l'interpretazione originale delle Sacre Scritture, basata sul fatto che i due utilizzarono proprio le foglie di fico per coprirsi, non appena si accorsero di essere nudi. Le immagini dipinte sulla roccia sono tutte decorate con raffigurazioni di cisti, caratteristici fiori rossi della zona, e sembrano siano state realizzate tra l'VIII e il X secolo d.C.

➡️ Gli agriturismi a Matera e provincia

10. Frosinone e i suoi borghi

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Lazio | Roma Yallers (@yallerslazio) in data: Gen 30, 2019 at 2:12 PST

Frosinone è l’ottava provincia da visitare della nostra classifica del mese di febbraio.

Non sei mai stato nel frusinate? È arrivato il momento di rimediare! Chiaramente in un weekend non riuscirai a veder tutto ma puoi partire alla scoperta di questi 3 borghi: Arpino, Anagni, Fumone e Alatri. Ti permetteranno di farti un'idea del territorio e ti metteranno tanta voglia di tornare!

Per un tour che si rispetti e che includa tante meraviglie della provincia di Frosinone puoi partire dalla scoperta di Arpino, la cittadina che ha dato i natali a Cicerone, sede del sito archeologico della Civitavecchia e di tutto un mondo di realtà museali dedicate all'arte della lana e alla liuteria.

Anagni è senza dubbio una delle cittadine della Ciociaria più interessanti: oltre al suo patrimonio artistico, è famosa per esser stata soprannominata Città dei Papi, in quanto ha dato i natali a ben 4 pontefici e ha visto svolgersi le vicende legate a Bonifacio VIII (ti dice nulla lo schiaffo di Anagni?).

Fumone è un borgo molto piccolo ma tanto caratteristico. Puoi girare per il centro storico, il castello e gli splendidi scorci panoramici. Infine Alatri, che conserva ancora elementi monumentali arcaici uniti a elementi di epoche successive, è conosciuta come Città dei Ciclopi per la capacità di mantenere intatta l'acropoli della civita. Grazie a lei abbiamo un esempio "vivo" delle città megalitiche laziali.

Seguendo Cicerone come filo conduttore del viaggio, fai una sosta sul lago di Posta Fibreno, un posto che stupì l'oratore latino. Qua vive il pioppo più antico della terra vi nuota un pesce unico al mondo, il carpione del Fibreno. Ma ancora più stupefacente è la zolla di terra vagante che si trova al centro del lago e si muove a seconda del vento e delle correnti.

➡️ Scopri gli agriturismi nella provincia di Frosinone

Sono davvero molte le mete da prendere in considerazione durante le tue vacanze di febbraio. In tutte, però, troverai degli agriturismi e delle aziende agricole pronte a rendere delizioso il tuo soggiorno, presentandoti importanti pezzi dell'enogastronomia italiana.

Caricamento in corso
Agriturismo aggiunto ai preferiti
Agriturismo rimosso dai preferiti