contactModalFeedback

Spunti di viaggio

AgriStories: Agriturismo Valtidone Verde

Siamo andati a far visita all'Agriturismo Valtidone Verde di Zavattarello (Pavia) con la nostra reporter speciale Adrienne Baumann. Ecco cos'è successo!

Mentre la sera scende, le colline che circondano l'Agriturismo Valtidone Verde esplodono in canti. I soprani trafiggono l'ampio cielo blu con note acute, mentre i baritoni dai toni bassi riempiono la verde vallata di profondi ritorni. Sullo sfondo, il vento canticchia dolcemente. Non c'è uno strumento in vista. La serenata del tramonto è un'improvvisata disposizione di canti di uccelli, mucche che si abbassano, muli che si sfidano, rami fruscianti e occasionalmente il "chicchiricchi" di un gallo inopportuno.

L'orchestra tutta naturale accompagna una vista mozzafiato sulla Val Tidone, una valle lussureggiante circondata da colline fittamente boscose che si estendono a perdita d'occhio. Di tanto in tanto, alla melodia si unisce il debole suono di un'auto lontana, a dimostrazione che il ritmo più veloce della vita cittadina è solo a pochi passi di distanza.

Ed è proprio qui il fascino di questo rifugio collinare nell'Oltrepò Pavese. Situato a poco più di un'ora da Milano, è un luogo facile da raggiungere sia per gli abitanti della città che per i turisti. La serenità e la lentezza della vita sono qualcosa che Ludmilla Wolf, proprietaria dell'Agriturismo Valtidone Verde, vorrebbe far provare a chiunque.

Nata e cresciuta a Milano, ha lavorato per una multinazionale, ma ha trascorso i fine settimana in fattoria per aiutare la mamma, che ha aperto l'agriturismo alla fine degli anni Novanta. Quando la sua azienda è stata acquistata nel 2009, esattamente nello stesso periodo in cui sua madre stava pensando di vendere la proprietà, Ludmilla e suo marito hanno fatto una scelta che gli ha cambiato la vita: lasciare la città che avevano a lungo chiamato casa e trasferirsi definitivamente in campagna.

Sradicare le sue giovani figlie e modificare drasticamente lo stile di vita della famiglia non è stato facile, sia finanziariamente che praticamente. Ma Ludmilla non ha rimpianti. "È una questione di valori, di priorità", osserva. "Qui sono radicata nella natura e questo mi fa sentire in pace e viva".

A Valtidone Verde, Ludmilla porta avanti l'impegno di lunga data di sua madre per l'agricoltura biologica. Uva, ciliegie, pere, fragole, kiwi e altri frutti di stagione, tutti coltivati senza fertilizzanti chimici e pesticidi, vengono raccolti e trasformati in deliziose marmellate fatte in casa. Il grano biologico locale è macinato a pietra e trasformato in pagnotte di pane appena sfornato, il cui sapore è esaltato da un lievito madre secolare, affettuosamente chiamato Vera. I grani di kefir vengono aggiunti al latte fresco biologico di mucche vicine per ottenere uno yogurt ricco di probiotici.

Oltre ad una sana colazione fatta in casa, gli ospiti del Valtidone Verde apprezzeranno l'impegno dell'agriturismo per la sostenibilità. Pannelli solari, caminetti per il riscaldamento dell'acqua e lampadine a basso watt permettono di risparmiare energia, i serbatoi raccolgono la pioggia e l'acqua di scolo, gli scarti alimentari diventano compost e vengono utilizzati solo saponi e prodotti per la pulizia naturali. Nelle camere non ci sono televisori e di notte il WiFi è spento, invitando gli ospiti a trovare intrattenimento alternativo come guardare le stelle, chiacchierare intorno al fuoco o una fare una partita a scacchi.

Insegnante di kinesiologia accreditata, Ludmilla offre ai suoi visitatori dimostrazioni e ospita laboratori presso la fattoria. L'approccio terapeutico al benessere, che si concentra sul monitoraggio muscolare per identificare e correggere gli squilibri fisici ed emotivi, fa parte dell'approccio olistico di Ludmilla all'ospitalità. "Questo è un luogo dove le persone possono davvero staccare la spina", sottolinea. "La mia speranza è che si trovino bene qui e ritrovino il loro equilibrio al ritmo della natura".

All'orizzonte, il piccolo borgo medievale di Zavattarello è un richiamo. Nominato uno dei Borghi più belli d'Italia, ospita il Castello del Verme, una fortezza medievale aperta per visite nei fine settimana, visite serali ed eventi annuali. Ludmilla è lieta di organizzare escursioni a cavallo per i suoi ospiti in un'azienda agricola in fondo alla strada e ha molti consigli sui luoghi migliori da visitare nell'Oltrepò Pavese per degustazioni di vini, escursioni a piedi, a nuoto e in mountain bike, nonché dove mangiare la vera cucina locale. Il suo perfetto inglese è spesso utile anche per le visite guidate, sia giornaliere che prestabilite.

Sia che si tratti di un weekend o di una vacanza più lunga, un soggiorno a Valtidone Verde è come visitare parenti che non si vedono da tempo. Mentre il marito di Ludmilla lavora dal suo computer in soggiorno, Lidia, la loro figlia quindicenne, gioca a piedi nudi sull'erba con i due golden retriever della famiglia. In cucina, il padre sbuccia le patate mentre la mamma setaccia un libro di cucina alla ricerca di una ricetta per i funghi, appena sfornati, che presto mangeranno a pranzo. La stessa Ludmilla appende lenzuola appena lavate ad asciugare al sole, soffermandosi ad ammirare il panorama. L'espressione sul suo viso è cristallina: non c'è posto diverso in cui preferirebbe essere.

 

La ricetta del pancrêpes di Ludmilla:

100 gr. di lievito madre (o lievito madre liquido)

200 gr. di latte

100 gr. di farina

2 uova

Preparare l'impasto la sera prima di servire. Mescolare il lievito e il latte e poi aggiungere le uova e la farina. Mescolare fino a quando la pastella ha una densità cremosa (alcuni grumi vanno bene). Lasciare a temperatura ambiente per almeno 30 minuti per attivare il lievito, quindi mettere in frigorifero per una notte. Al mattino, estrarre la pastella e lasciare che ritorni a temperatura ambiente. Versare la pastella con il mestolo in una padella a fuoco medio. Cuocere fino a quando il liquido inizia ad asciugarsi e in superficie si forma la schiuma. Capovolgere brevemente, poi servire caldo con marmellata fatta in casa o un condimento a vostra scelta.

 

Foto e testo di Adrienne Baumann ©

Caricamento in corso
Agriturismo aggiunto ai preferiti
Agriturismo rimosso dai preferiti