contactModalFeedback

Spunti di viaggio

Chianti: un assaggio di storia e vino nel cuore della Toscana

Un giro fra le colline del Chianti, fra cantine, borghi e un po' di storia.

Anche se non sei un intenditore di vino, è probabile che tu riconosca il cerchio bordeaux con un gallo nero sulla tua bottiglia. Infatti, il "Gallo Nero" del Chianti Classico si trova in tutto il mondo e rimane uno dei simboli più iconici del Made in Italy.

La storia del Chianti affonda le sue radici in epoca etrusca. Ma fu solo nel 1716, quando Cosimo III de' Medici, Granduca di Toscana, ne tracciò ufficialmente i confini, che fu definita la posizione geografica del Chianti. Tre secoli dopo, la definizione originaria del Granduca si è espansa fino a comprendere oggi gran parte della Toscana centrale, dal capoluogo Firenze fino a Siena.

Famoso come lo stesso marchio "Gallo Nero", il territorio del Chianti è conosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza mozzafiato. Ampi paesaggi dai toni verdi e dorati, strade di ciottoli bianchi fiancheggiate da cipressi, campi di papaveri rossi e girasoli giallo brillante, e, naturalmente, vigneti e ulivi incisi nelle dolci colline. L'omonimo vino della zona, il Chianti, è composto prevalentemente da uve Sangiovese e aderisce ai rigorosi protocolli di vinificazione previsti dalla certificazione DOCG italiana. Tuttavia, l'unica annata che può fregiarsi del logo del gallo nero è il Chianti Classico, una denominazione distinta che rispecchia il decreto storico dei Medici.

A parte il Chianti, alcuni dei vini più ambiti (e costosi) della regione non portano l'emblema del galletto. I cosiddetti Super Tuscans hanno iniziato come vini da tavola e hanno rapidamente guadagnato lo status quasi di culto e l'attenzione di tutti i sommelier. Oggi questi leggendari trasgressori vantano una propria certificazione, l'IGT (Indicazione Geografica Tipica), che ne garantisce l'origine e la qualità, permettendo alle cantine di distinguersi con miscele ad-hoc di stile diverso.

Allora, dove nel Chianti si può meglio assorbire la storia dall'antichità alla modernità enologica?

Inizia da Firenze, inaugurando il tuo viaggio in uno degli imperi vitivinicoli della Toscana: Antinori nel Chianti Classico. Sei secoli e ventisei generazioni hanno portato avanti la tradizione vitivinicola della famiglia Antinori. Nel 2013, la nuova cantina di San Casciano Val di Pesa ha aperto a soli 20 chilometri a sud del capoluogo fiorentino. L'architettura elegante della tenuta, la scala a chiocciola, i vigneti dal design geometrico e la sala degustazione sospesa vi toglierà il fiato, e ci sono una serie di tour e degustazioni giornaliere con i vini per placare ogni palato.

In direzione est da San Casciano, un'altra cantina storica è Viticcio a Greve in Chianti. La tenuta a conduzione familiare è aperta anche per visite e degustazioni ogni giorno (si consiglia sempre di prenotare in anticipo) e dispone di una vasta gamma di vini Chianti Classico e Super Tuscans.

Nelle vicinanze, visitate il borgo collinare di Volpaia, dove praticamente tutto il paese - edifici e abitanti - è dedicato alla produzione di vino e olio d'oliva di alta qualità per il marchio Castello di Volpaia. Il castello, le chiese sconsacrate e le antiche case sono state trasformate in aree di produzione, cantine di affinamento, frantoi, sale di degustazione e altro ancora. Nel sottosuolo, un "wineduct" a gravità collega le vasche di fermentazione in acciaio inox nella parte alta di Volpaia alle cantine a botte nella parte bassa del paese.

Un tour del vino attraverso il Chianti non è completo senza una sosta a Ricasoli appena fuori Gaiole in Chianti. La più antica cantina d'Italia, Ricasoli ha radici vitivinicole che risalgono al 1141 e che ha il merito di aver inventato la storica miscela. Nel 1872, l'enologo pioniere e secondo Presidente del Consiglio dei Ministri, il Barone Bettino Ricasoli, creò la formula originale che divenne il punto di riferimento per i produttori di tutto il territorio. Situata in una tenuta di 1.200 ettari intorno al Castello di Brolio, Ricasoli coltiva 240 ettari di uva e 26 ettari di oliveti. Le visite comprendono gite in bicicletta elettrica attraverso l'ampio paesaggio, visite guidate al castello e al museo, oltre a visite alle cantine e degustazioni. A soli 5 euro è possibile visitare liberamente il parco e i giardini del castello e accedere alla sala degustazione.

Mentre vi avvicinate a Siena, completate il vostro viaggio con una visita allo splendido Castello di Ama vicino a Lecchi in Chianti. L'uva è stata a lungo coltivata in questo fertile terroir, ma solo negli anni '70 è nata questa moderna cantina. Arroccato su una collina in un borgo del XII secolo, il Castello di Ama unisce vinificazione e arte in un'esperienza unica nel suo genere. In tutta la tenuta, installazioni d'arte contemporanea realizzate da artisti di fama mondiale esaltano lo scenario naturale. Le visite durano un'ora e mezza e comprendono le cantine, la zona di produzione, la zona di produzione, le ville di paese e del XVIII secolo e culminano in una degustazione dei vini del Castello di Ama presso l'Enoteca. La prenotazione è obbligatoria.

Con così tanto da offrire, il Chianti dovrebbe essere preso ad un ritmo lento per assaporarne veramente la bellezza e i sapori. Allunga le tue degustazioni di vino in pochi giorni, prenditi il tempo di visitare i tanti borghi medievali che punteggiano la campagna, e non dimenticare di pianificare il tuo soggiorno in una delle nostre caratteristiche case coloniche per un'esperienza toscana davvero autentica!

Caricamento in corso
Agriturismo aggiunto ai preferiti
Agriturismo rimosso dai preferiti