Spunti di viaggio

Menu di Natale: le ricette dei nostri agriturismi

8 ricette di Natale direttamente dai nostri agriturismi

  • Intro al Menu
  • Antipasti
  • Primi piatti
  • Secondi piatti
  • Dessert
Pagina
1
di 5

Cari agrituristi,
le feste si avvicinano e sicuramente molti di voi sono impegnati a creare il proprio menu di Natale.

Quest'anno vogliamo darvi una mano: abbiamo chiesto ai nostri agriturismi di svelarci una ricetta del cuore che avrebbero voluto cedervi, come si fa tra amici e parenti. Ecco cosa ci hanno risposto!

Non vi resta che lasciarvi ispirare...

Abbiamo chiesto ai nostri agriturismi di svelarci una ricetta del cuore che avrebbero voluto cedervi, come si fa tra amici e parenti.
L'Agriturismo Marino di Giardini Naxos e La Selva di Finale Ligure ci hanno risposto con due antipasti!

Scacciata catanese ai "gedi"

Questa è una ricetta dell'Agriturismo Marino di Giardini Naxos (Messina).
La scacciata catanese ai gedi è un vero e proprio must della tradizione siciliana e non può mancare sulle tavole la notte di Natale.

Ingredienti (per 8 persone):
Per l’impasto:
1 kg. di semola di grano duro antico siciliano Diminia (Timilia)  
200 g. di crescente (Lievito madre)
600 cc circa di acqua
1 cucchiaino da caffè di zucchero
15 g. di sale
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva di nocellara dell’Etna

Per il ripieno:
400 g. di pepato “Muscio” (pecorino pepato fresco)
8/10 olive nere Moresca denocciolate
1 kg. di gedi (bietole a coste selvatici)
1 spicchio di aglio
Peperoncino q.b.

Procedimento:
1.
Impastare il crescente con un po’ di acqua tiepida e un po’ di semola;
2. Lasciare riposare l'impasto in luogo tiepido finchè raddoppia di volume;
3. Una volta raddoppiato aggiungere gradualmente all'impasto il resto della semola, l’acqua, lo zucchero, l’olio e il sale e lasciare riposare per almeno 2 ore in luogo tiepido, coperto da un panno di lana;
4. Separare poi l’impasto in 2 panetti, uno più grande da stendere sul fondo di una teglia, precedentemente oleata e infarinata e uno più piccolo che servirà a coprire il ripieno;
5. Aggiungere sul fondo del primo panetto steso il pepato tagliato a fettine, i gedi precedentemente sbollentati e saltati in padella con olio, aglio e perencino, le olive denocciolate e tagliate a metà;
6. Ricoprire la farcia con l’altra metà di impasto, ripiegando i bordi, lasciando un piccolo foro al centro della teglia;
7. Per finire spennellare con olio extravergine di oliva;
8. Cuocere in forno già caldo a 220°C per circa mezz’ora.

Cappon magro

Questa è una ricetta dell'Agriturismo La Selva di Finale Ligure (Savona), versione economica e semplice di un ottimo antipasto della tradizione ligure.

Ingredienti:
1 kg. e 500 gr. di pesce cappone o dentice
3 patate
2 carote
200 grammi fagiolini
olio, aceto e sale q.b.

Per la salsa:
1 mazzetto di prezzemolo
10 gr. di pinoli
10 gr. di capperi
1 uovo
Mollica di pane
2 acciughe salate
olive
1 spicchio di aglio
aceto e sale q.b.

Per la guarnizione:
2 gamberi
2 uova

Procedimento:
1. Pulire e lessare il pesce e i gamberi;
2. Cuocere le verdure in acqua salata;
3. Colare le verdure e il pesce una volta giunto alla giusta cottura;
4. Tagliare a fette le patate e le carote;
5. Sminuzzare i fagiolini e il pesce in precedenza privato della lische;
6. Condire tutto con olio e aceto;
7. Preparare la salsa pestando nel mortaio o frullando il prezzemolo, l'aglio, i pinoli, i capperi e la mollica di pane precedentemente ammollata in una tazza con aceto, tuorlo d'uovo, mezzo bicchiere d'olio, olive snocciolate e sale;
8. A salsa pronta mettere nel piatto uno strato di patate, uno di carote e uno di fagiolini, avendo cura di condire di volta in volta con la salsa;
9. Aulla sommità dei vari strati porre il pesce e ricoprirlo con la salsa rimasta;
10. Infine decorare con i gamberi e gli spicchi dell'uovo sodo.

Abbiamo chiesto ai nostri agriturismi di svelarci una ricetta del cuore che avrebbero voluto cedervi, come si fa tra amici e parenti.
L'Agriturismo A3Passi di Ancona e Le Querciole di Borgo Val di Taros ci hanno risposto con due primi piatti!

Risotto alla zucca, blu dadone e panure all’erba cipollina

Questa è una ricetta dell'Agriturismo A3Passi di Ancona.

Ingredienti per 4 porzioni:
360 gr. di riso vialone nano
½ zucca mantovana
100 gr. di pane grattugiato
100 gr. di panna fresca
50 gr. di blu dadone o gorgonzola
1 cipolla
1 carota
1 costa di sedano
100 gr. di parmigiano reggiano
100 gr di burro
Erba cipollina q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.
Olio extra vergine di oliva q.b.
Un bicchiere di vino bianco

Procedimento:
1. Tagliare in quattro parti la mezza zucca, avvolgere ogni singolo pezzo con la carta alluminio e infornarla per 40 minuti circa a 170°C;
2. Quando la zucca sarà cotta, scavare la polpa con un cucchiaio e frullarla aggiungendo un po’ di acqua, aggiustandola di sale e di pepe;
3. In un pentolino scaldare la panna fino ad una temperatura di 70° e poi aggiungere il formaggio (blu dadone o gorgonzola);
4. Togliere dal fuoco e mescolare fino a che il formaggio non si sarà sciolto completamente;
5. In una padellina aggiungere un filo di olio, il pan grattato e un po’ di erba cipollina tagliuzzata e fare rosolare per qualche minuto;
6. Nel frattempo preparare un brodo con metà cipolla, il sedano e la carota;
7. La cipolla rimasta servirà per iniziare la cottura del riso: quindi una volta tagliata, soffriggerla in un tegame con un filo di olio;
8. Unire al soffritto il riso e cuocere per un minuto circa, ricordando di sfumare con il vino bianco;
9. Proseguire la cottura del riso aggiungendo un po’ alla volta il brodo e a metà cottura aggiungere la crema di zucca preparata precedentemente;
10. Quando il riso è pronto toglierlo dal fuoco e mantecare con burro e parmigiano.

Consigli:
Per guarnire il risotto potete usare delle gocce di fonduta al blu dadone, la panure di erba cipollina ed un filo di olio extra vergine di oliva.

Gnocchi di castagne, con pancetta, noci e ricotta

Questa è una ricetta dell'Agriturismo Le Querciole di Borgo Val di Taro (Parma).

Ingredienti per 8 persone:

Per gli gnocchi:
1 kg. di patate
450 gr. di farina di castagne

Per il sugo:
200 gr. di pancetta
300 gr. di ricotta
50 gr. di noci tritate
Olio extravergine di oliva q.b.
Parmigiano grattugiato q.b.

Procedimento:
1. Far bollire le patate
2. Una volta cotte, scolarle e schiacciarle con una forchetta;
3. Aggiungere la farina di castagne e impastare il tutto;
4. Creare gli gnocchi: dividere l'impasto in tanti filoni dello spessore di 2-3 centimetri e iniziare a tagliare gli gnocchi dandogli la forma con una forchetta;
5. Ora è il momento di preparare il sugo: far soffriggere la pancetta tagliata grossolanamente in olio extravergine di oliva;
6. Una volta rosolata bene, aggiungere la ricotta stemperata in acqua bollente;
7. Miscelare il tutto per un minuto circa;
8. Quando gli gnocchi saranno cotti, scolarli e mantecarli in padella
9. Servire aggiungendo all'ultimo una spolverata di parmigiano e le noci tritate

Abbiamo chiesto ai nostri agriturismi di svelarci una ricetta del cuore che avrebbero voluto cedervi, come si fa tra amici e parenti.
L'Agriturismo San Mattia di Verona e Casa Faustina di Assisi ci hanno risposto con due secondi piatti!

Carpaccio d'anatra

Questa è una ricetta dell'Agriturismo San Mattia di Verona.

Ingredienti per 6 persone:
400 gr. di petto d'anatra
120 gr. di erbe aromatiche
Scorza di 2 arance
Olio extravergine di oliva q.b.
Un pizzico di sale grosso
Misticanza per la guarnizione

Procedimento:
1. Prendere il petto di anatra e pulirlo da pelle, piume e penne;
2. Spennellarlo bene con un buon olio extra vergine d’oliva e adagiarlo in una padella già precedentemente riscaldata sul fuoco;
3. Quando il petto assume un colorito dorato e si è formata una crosticina attorno (circa 7/8 minuti) toglierlo dalla fiamma e lasciarlo raffreddare;
4. Nel frattempo prendere le erbe aromatiche (come salvia, rosmarino e timo), lavarle bene e tritarle insieme alla scorza di due arance oppure un’arancia e un limone per avere un mix di sapori;
5. Quando il petto si è raffreddato e solidificato tagliarlo a striscioline fini e disporlo su un letto di misticanza non condita;
6. Successivamnete cospargerci sopra il trito di erbe aromatiche e arancio, un pizzico di sale grosso e un filo di olio extra vergine d’oliva.

Parmigiana di Gobbi

Questa è una ricetta dell'Agriturismo Casa Faustina di Assisi (Perugia). Ecco la cuoca Sara nell'orto sinergico.

Ingredienti:
1 cardo intero
4 uova
800 gr. di pomodori a pezzetti in scatola
100 gr. di parmigiano
1 scamorza poco affumicata
1 bicchiere di vino bianco secco
1 cipolla
1 costa di sedano
1 carota
Sale
Olio

Procedimento:
1. In un tegame scaldare 3 cucchiai di olio e insaporirvi per alcuni minuti sedano carota e cipolla ben tritati;
2. Sfumare con vino bianco e lasciare evaporare;
3. Aggiungere il pomodoro, salare, coprire il tegame e lasciar cuocere per 30 minuti;
4. Nel frattempo mondare il cardo, eliminando il più possibile i filamenti;
5. Tagliare il cardo ad una lunghezza di circa 4 cm, sbollentare in acqua salata per 10 minuti e lasciar quindi sgocciolare;
6. Passare il cardo nelle uova sbattute e poi nel pangrattato;
7. Friggere velocemente (per una cottura più leggera si può cuocere in forno), sgocciolare e far asciugare su carta da cucina;
8. Oliare una pirofila da servizio, disporre i pezzi di cardo, sopra il sugo, il parmigiano grattugiato e le fettine di scamorza;
9. Proseguire sino ad esaurimento degli ingredienti;
10. Cuocere in forno caldo a 180°/200°C per 15/20 minuti o fino a quando sulla superficie si sia formata una leggera crosticina;
11. Lasciar riposare 5 minuti e servire a tavola nel recipiente di cottura.

Abbiamo chiesto ai nostri agriturismi di svelarci una ricetta del cuore che avrebbero voluto cedervi, come si fa tra amici e parenti.
L'Agriturismo Ferdy di Lenna e Villa Poggio di Gaville di Figline Valdarno ci hanno risposto con due dessert!

Dolce Leadel

Questa è una ricetta dell'Agriturismo Ferdy di Lenna (Bergamo). Il leadel è un dolce tipico e solitamente si mangia il 13 dicembre per la festa di Santa Lucia ma viene preparato anche a Natale.

Ingredienti:
5 uova
200 gr. di zucchero
200 gr. di farina bianca
125 gr. di burro
2 mele
1 pizzico semi di finocchio
50 gr. farina gialla
100 gr. pane raffermo
100 ml latte
1 pizzico sale
1 bustina lievito

Procedimento:
1. Montare i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale;
2. Aggiungere il burro, la farina, le chiare montate a neve e il lievito;
3. Impastare il tutto con i tuorli precedentemente montati;
4. Nel frattempo tagliare il pane a pezzettini e ammorbidirlo con il latte;
5. Aggiungere al pane ammorbidito i semi di finocchio, la farina gialla e le mele;
6. Unire i due impasti e miscelare bene;
7. Cuocere in una teglia imburrata e infarinata per 40 minuti in forno già caldo a 180°C.

Torta di cioccolato senza farina

Questa è una ricetta dell'Agriturismo Villa Poggio di Gaville di Figline Valdarno (Firenze). Essendo una torta senza farina può essere un'ottima soluzione sostitutiva ai classici panettone e pandoro per chi ha un'intolleranza al glutine.

Ingredienti per 8 persone:
250 gr. di cioccolato fondente
125 gr. di mascarpone
3 uova
1 arancia
4 cucchiai di zucchero

Procedimento:
1. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria;
2. Aggiungere il succo d'arancia;
3. Unire al composto i gialli delle uova con lo zucchero;
5. Infine aggiungere il mascarpone e mescolare bene;
6. Nel frattempo montare i bianchi d'uovo a neve e poi incorporarli con il resto dell'impasto, facendo attenzione a mescolare dal basso verso l'alto;
7. Nel frattempo preparare uno stampo per torta del diametro di 20, imburrare e infarinare;
8. Versare la preparazione nello stampo;
9. Infornare a 140°C per 30 minuti;

Consigli:
Per decorare la torta si possono aggiungere a piacere scaglie di cioccolato, arancio candito e fragole.

Caricamento in corso
Agriturismo aggiunto ai preferiti
Agriturismo rimosso dai preferiti