Agriturismo Torre Vecchia di Marafi

Via Marafi -137, 82030 Faicchio (Benevento)

Descrizione

In breve

  • Sistemazione: Camera (5),
  • Posti letto: 13
  • Posizione: Pianura
  • Trattamento offerto: Solo pernottamento, Mezza pensione, Pensione completa, Pern. e colazione

L'agriturismo

Con un’estensione di oltre 80 ettari ed immersa in un incantevole scenario lussureggiante alla confluenza dei fiumi Titerno e Volturno è presente l’agriturismo Torre vecchia di Marafi. In questa atmosfera suggestiva di tempi ormai remoti ricchi di storia e tradizione del Sannio e della Campania, potrete dedicarvi a lunghe passeggiate boschive o approfittando dei cavalli e delle mountain-bike, godere appieno dello spettacolare paesaggio naturalistico.

L'alloggio

La poderosa struttura, che ingloba una torre preesistente, è costituita da un'ampia corte con un pozzo centrale lungo la quale si aprono numerosi locali adibiti a servizi di ristoro e sale da pranzo per 90  posti a tavola, oltre ad una sala ritrovo dedicata agli ospiti; al piano superiore invce sono disposte cinque confortevoli camere con bagno per complessivi 13 posti letto.

La principale attività dell'azienda è l'allevamento in selezione di ovini della pregiata razza Laticauda, tipica di queste zone. Gli animali si nutrono al pascolo di foraggi freschi integrati da cereali e foraggi secchi prodotti in azienda. La carne di queste pecore, aromatica e delicata, per il bassissimo contenuto di acido caprilico e capronico ha un tasso di colesterolo inferiore a quello di altre razze ovine. A Torre Vecchia il rispetto della tradizione viene osservato anche nella preparazione di antiche ricette del Sannio, proposte oggi dalla raffinata cucina, con tipiche delizie come gli antipasti della casa, la pasta lavorata a mano, grigliate, bolliti di pecore con aromi e dolci tradizionali sanniti.

L’azienda è accreditata come fattoria didattica ed iscritta nell’albo regionale campano. Inoltre la dimensione degli ambienti e degli spazi di cui gode la struttura offre la possibilità di svolgere cerimonie e feste private nei locali interni così come nell’area esterna, magari a bordo della piscina che si aggiunge alle altre dotazioni disponibili.

Castrum Marafi, risale a data antichissima, così come riferisce lo storico Meomartini “…probabilmente segnava il confine tra i Sanniti caudini e i Pentri”.

Il nome Marafi di origine longobarda fa presupporre uno scopo difensivo dalle incursioni dei Greci e dei Saraceni che fino al X-XI secolo imperversavano in tutto il territorio. Notizie più certe del gruppo di Corti nell’ager di Faicchio risalgono al 1187 in occasione del patto di unione stretto in occasione della Crociata in terra Santa indetta da Gregorio VIII sotto Guglielmo il Buono. Castrum Marafi risulta ancora esistente nel XVI secolo, indicato come feudo Baronale in un instrumento di convenzione tra il Barone Paolella di Puglianello ed il D’Autellis di Marafi, redatto dal Notar Bettinelli di Napoli il 12 Novembre 1551. Il Candida attesta che alla fine del XVI secolo il feudo fu acquistato dalla Real Camera e rivenduto nel 1579 a Giovanni Monsorio, Maggiordomo di Corte.
Correva l’anno 1612 quando il feudo divenne proprietà di Gabriele Martino, la cui dinastia lo mantenne, insieme al titolo di Duca, fino all’abolizione dei privilegi feudali.

L’antica corte oggi rinasce nell’agriturismo della famiglia De Ciampis, la vasta tenuta comprende resti di antiche abitazioni coloniche e annessa alla Torre la chiesa medievale che fino al 1407 formò Rettoria con il titolo di San Andrea de Cortesano, meta di pellegrini, nobili, prelati e cavalieri. La Chiesa può essere utilizzata per cerimonie ed eventi

Questa struttura è temporaneamente non presente su Agriturismo.it

Guarda altri agriturismi nella zona

Caricamento in corso
Agriturismo aggiunto ai preferiti
Agriturismo rimosso dai preferiti